Mons. Agostino Marchetto nominato cardinale

Papa Francesco ha nominato cardinale, nel concistoro del 30 settembre, l'arcivescovo Agostino Marchetto, esperto di fama internazionale sul Vaticano II, che egli stima personalmente e che considera addirittura "il più̀ grande ermeneuta del Concilio". Oltre alla sua lunga carriera di diplomatico vaticano, il cardinale ottantatreenne si è occupato intensamente della ricezione del Concilio Vaticano II e si è sempre espresso in modo incisivo in numerose pubblicazioni, sostenendo un'interpretazione che papa Benedetto XVI, nel suo famoso discorso alla Curia del 22 dicembre 2005, ha sottolineato dicendo che a una "ermeneutica della discontinuità e della rottura si deve contrapporre un'ermeneutica della riforma, del rinnovamento della Chiesa come unico soggetto, che il Signore ci ha donato, preservando la continuità". Marchetto è molto presente nel progetto della 'Konziliengeschichte' e dal 2000 ha ripetutamente presentato relazioni ai convegni della Società per la Ricerca della Storia dei Concili. Più recentemente, nel 2018, è intervenuto su "La minoranza al Vaticano II (1962-1965) secondo il 'Diario' del suo Segretario Generale, Pericle Felici" al convegno "I Concili e le minoranze" tenutosi alla Pontificia Università della Santa Croce e al Campo Santo Teutonico.


Nuove uscite sulla storia dei concili

Johannes Helmrath, Wege der Konzilsforschung. Studien zur Geschichte des Konzils von Basel (1431–1449) und anderer Konzilien. Ausgewählte Aufsätze Band 2, Mohr Siebeck, Tübingen 2022. XII + 844 pp.

 

Dopo il primo volume di saggi selezionati di Johannes Helmrath già pubblicato nel 2013 che raccolgono "Studien zum Humanismus", il presente volume raccoglie studi dell'autore sulla storia dei concili. 
I concili, da Nicea al Vaticano II, sono organi legislativi della Chiesa organizzati collegialmente e allo stesso tempo, in quanto luoghi di incontro di élite spirituali e secolari, momenti storici chiave di tipo speciale. Il presente volume contiene studi selezionati di Helmrath sulla ricerca storica sui concili. I contributi sono stati rivisti e sono stati aggiunti supplementi e un indice. L'attenzione tematica si concentra sull'affascinante e assai lungo Concilio di Basilea (1431-1449), l'ultimo dei cosiddetti concili di riforma, affiancato da studi sul IV Concilio Lateranense e sui Concili di Costanza (1414-1418) e Ferrara-Firenze-Roma (1438-1445). Vengono analizzati problemi di organizzazione e comunicazione, prosopografia, riforma e teologia, comparabilità con le assemblee secolari, funzione di polo intellettuale, ecc. In una visione diacronica si esaminano la liturgia dell'Evangeliario, la riforma della Chiesa e la scelta della sede dei concili (dalle informazioni della casa edittrice).


Convegno sul Concilio di Nicea (325) a Bamberg/Germania

Nizäa (325) – Konzil der Ökumene?

Die Rezeption der „Großen Synode“ in Geschichte und Gegenwart

Symposion, Bamberg, 25.–26. September 2023

Hörsaal U2/01.33 – An der Universität 2 – 96047 Bamberg

Programm

Montag, 25.09.2023

08:30 Hl. Messe in St. Jakob, Jakobsplatz, Bamberg (fakultativ)

09:30 – 09:45 Veranstalter: Eröffnung – Einführung

09:45 – 10:15 Thomas GRAUMANN (Cambridge): Die Rezeption von Nizäa in Geschichtsschreibung und kirchlicher Erinnerung der Spätantike

10:15 – 10:45 Evangelos CHRYSOS (Athen): Participants at the Council of Nicaea I from beyond the borders of the Roman Empire

Pause

11:00– 11:30 Josef RIST (Bochum): Bischof Ossius von Cordoba – eine andere Perspektive auf das Konzil von Nizäa und seine Rezeption

11:30 – 12:00 Hanns Christof BRENNECKE (Erlangen-Nürnberg): Die Rezeption der Beschlüsse von Nicaea im weiteren 4. Jh. sowohl im griechischen Osten wie lateinischen Westen

12:00 – 12:30

Diskussion

Mittagspause

14:15 – 14:45 Matthias SIMPERL (Augsburg): Eustathianische Reaktionen auf den „Tomus ad Antiochenos“. Zur Rezeption des nizänischen Bekenntnisses im Antiochia der 360er Jahre

14:45 – 15:15 Giulio MASPERO (Rom): From Nicea I to Nicea II: Chrêsis in first Ecumenical Council and Chrêsis of the first Ecumenical Council

Pause

15:30 – 16:00 Winfried BÜTTNER (Bamberg): Ephräm der Syrer und der Arianismus

16:00 – 16:30 Petar VRANKIC (Augsburg): Die Beschlüsse von Nizäa und die Formeln der sirmischen Synoden

16:30 – 17:00 Alberto FERREIRO (Seattle, WA): The Reception and Diffusion of the Creed and the Filioque Before and After the Third Council of Toledo (589) in Hispania

17:00 Diskussion

Dienstag, 26.09.2023

08:30 Hl. Messe in der Kirche St. Jakob, Jakobsplatz, Bamberg (fakultativ)

9:30 Grußwort S.E. Erzbischof em. Dr. Ludwig SCHICK

09:45 – 10:15 Johann Anton ZIEME (Halle-Wittenberg): Ἡ θαυμάσια σύνοδος. Zu einigen byzantinischen Wundererzählungen über das Konzil von Nizäa und ihrer Traditionsgeschichte

10:15 – 10:45 Ralf van BÜHREN (Rom): Spätantike Bilder Christi vom 4. bis 6. Jahrhundert. Ist eine kunsthistorische Rezeption des Konzils von Nizäa (325) erkennbar?

Pause

11:00 – 11:30. Johannes GROHE (Rom): Der Streit um das Symbolum Niceno-Constantinopolitanum zwischen Aachen und Rom Anfang des 9. Jhds. Das Konzil von Aachen 809 und die Verhandlungen einer fränkischen Delegation mit Leo III. 810

11:30 – 12:00 Uwe Michael LANG (London): Kaiser Heinrich II. und die Aufnahme des Symbolum Nicaeno-Constantinopolitanum in den römischen Messritus

12:00 – 12:30 Diskussion

Mittagspause

14:15 – 14:45. Ansgar FRENKEN (Ulm): Die Rezeption des ersten Nizänums auf den Konzilien des Hoch- und Spätmittelalters

14:45 – 15:15. Ulli ROTH (Koblenz): Apostel vor Konzilsväter. Kommentierungen des Symbolum Nicaeno-Constantinopolitanum in der Scholastik

Pause

15:30 – 16:00 Thomas PRÜGL (Wien): Das Konzil von Nizäa in den Debatten um Kircheneinheit auf dem Konzil von Ferrara-Florenz (1438–1443)

16:00 – 16:30  Peter BRUNS (Bamberg): Ein eigentümliches (nizänisches?) Glaubensbekenntnis des äthiopischen Kaisers Claudius (1540–1559)

16:30 – 17:00  Szilvia SOMOGYI (Budapest): Der Einfluss der „Großen Synode“ im 11. Jahrhundert auf Ungarn

17:00 Zusammenfassung, Ergebnisse, Schlussbemerkungen

***************************************************

Organisationskomitee: Prof. Dr. Peter Bruns Bamberg

Dipl-theol. Guntram Förster (guntram.foerster@uni-bamberg.de)


Convegno sul Concilio di Pavia-Siena (1423-1424)

Ini consilium, coge concilium!  A Seicento anni dal Concilio di Pavia e Siena (1423-1424)

Pavia 5-7 Settembre 2023

  • Martedì 5 Settembre

Ore 15-18 Auditorium di San Tommaso, Dipartimento di Studi Umanistici, Piazza del Lino, 2

SALUTI ISTITUZIONALI

- Maria Pavesi, Vicedirettrice del Dipartimento di Studi Umanistici

- Don Fabio Besostri, Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale

INTRODUZIONE

- Daniela Rando, Da Costanza a Pavia. Le ragioni di un concilio

Pausa caffè

- Alberto Cadili, Il concilio e la città

Visita del complesso storico dell’Università

Ore 21 Almo Collegio Borromeo, Sala Bianca, Piazza Collegio Borromeo, 9

- Alberto Melloni, La storia infinita: concezioni ed esperienze del concilio nelle chiese

  • Mercoledì 6 Settembre

Auditorium di San Tommaso, Dipartimento di Studi Umanistici, Piazza del Lino, 2

L’AGENDA

Ore 9-10.45

- Phillip H. Stump, Reform in Head and/or Members at the Council of Constance (1414-1418) - online

- Thomas Frank, Argomentare la riforma. A proposito di alcuni testi conciliari dell’inverno 1423/1424

Pausa caffè. Visita al Palazzo S. Tommaso, Sala delle Sibille

Ore 11.15-13

- Sebastian Kolditz, L’unione tra latini e greci da Costanza a Basilea: il luogo del concilio di Pavia-Siena in un processo di avvicinamento

- Cécile Caby, Predicazione e riforma dei religiosi al concilio di Pavia-Siena: un’occasione di scandalo?

PRESENZA, ASSENZA, INFLUENZA: PONTEFICE E CURIA

Ore 15.15-17 Sala conferenze, Basilica di S. Pietro in Ciel d’Oro, Piazza S. Pietro in Ciel d’Oro

- Wolfgang Decker, “Johannes infeliciter electus…in papam” und “Martinus temporum suorum felicitas”. Der “Übergang” vom Pisanischen zum Römischen Papsttum, auch bei den Banken? Alberti, Borromei, Cambini

- Davide Scotto, Contenere l’“esaltazione degli ebrei”. Martino V e il concilio dopo i taqqanot di Forlì (1418)

Pausa caffè. Visita alla basilica di S. Pietro in Ciel d’Oro

Ore 18

- Jessika Nowak, Die Kardinäle auf dem Konzil

  • Giovedì 7 Settembre

Aula Moretti, Almo Collegio Borromeo, Piazza Collegio Borromeo, 9

DIPLOMAZIA E CULTURA

Ore 9-10.45

- Tobias Daniels, Sigismund und das Reich

- Jacob Langeloh, Preacher, Chronicler, Speaker, Ambassador. Reflecting on the roles and rhetoric of John of Ragusa at the councils of Pavia-Siena and Basel

Pausa caffè

Ore 11.15-12.30

- Mariarosa Cortesi, Intellettuali sulla scena dei Concilî fra dispute, intrighi e diplomazia

CONCLUSIONI

Discussants: Michele Pellegrini, Giacomo Pirani

************************************************

 Comitato scientifico: Wolfgang Decker, Thomas Frank, Daniela Rando

 Segreteria del convegno: dott. Alberto Cadili, alcadili@libero.it 


Nuove uscite sulla storia dei concili

Pontificio Comitato di Scienze Storiche, Un concilio di oggi. Memoria, recezione e presente del Concilio di Firenze (1439-2019), a cura di Riccardo Burigana e Pierantonio Piatti, Libreria Editrice Vaticana: Citta del Vaticano 2023. 410 pp.

 

Il Concilio di Firenze, nella storia della Chiesa, costituisce un evento in cui i cristiani sono riusciti ad incontrarsi per riflettere insieme sulla Chiesa e sulla sua missione, in una prospettiva di unità nella quale far confluire le diverse tradizioni, senza perdere di vista le proprie identità teologiche, spirituali, liturgiche, di esperienza di fede. Nei giorni della celebrazione del Concilio, come altre volte è accaduto nella sua storia, Firenze è stata la capitale del dialogo, dove in ascolto della parola di Dio, i cristiani, che vi erano giunti da mille strade, da Costantinopoli, dall’Armenia, dall’Egitto, dall’Etiopia, dalla Francia e dalla Spagna, hanno trovato una “casa” per superare differenze e pregiudizi e per coltivare speranze e conoscenze, scoprendo una comunione spirituale con la quale affrontare le sfide del mondo (dall'informazione della Casa Editrice).


Boris Ulianich † (1925-2023)

Il 31 marzo si è spento a Napoli, alla veneranda età di 98 anni, lo storico Boris Ulianich, conosciuto e stimato a livello internazionale.


Nuove uscite sulla storia dei concili

Pubblicato il fascicolo di Annales Historiae Conciliorum 51/2 (2021).

L'indice